sabato 30 settembre 2006

Octave, KOctave & Gnuplot

Ciao a tutti, settimana scorsa, prima di essere segato brutalmente in Tecnica e Sperimentazione Aerospaziale (beh, "più o meno" visto che non avevo avuto tempo di studiare e me ne sono andato subito con le mie gambe), il mitico prof... ha avuto il tempo di dirmi, guardando la mia relazione: "Allora lei è un fautore dell'open source!" e io tutto contento: "Sì!" e ha proseguito, "Perché allora ha usato Matlab invece di Scilab o di Octave?"... ho farfugliato qualcosa del tipo: "Beh, sa com'è, ormai sono abituato, ci sono piccole variazioni nella sintassi che mi mandano in bestia.." e palle varie...; insomma ho risposto come il più scontato Winsozz-User arroccato sull'abitudine! In realtà avendo ottenuto in qualche modo una versione di Matlab (un mio vicino di casa ce l'ha con la licenza! seeeeee :-P) non ho mai avuto bisogno di esplorare il mondo dell'alternativo per quanto riguarda i programmi del genere.
Ultimamente sto cercando di dare un'occhiata in questo senso e innanzitutto ho cominciato a installare Octave.


In sostanza se ho capito bene è un interprete di comandi con un linguaggio quasi interamente identico a Matlab, quindi uno può continuare a scrivere la sua solita sintassi e Octave esegue correttamente tutte le operazioni.
Ovvio l'handicap più grosso è la mancanza di un ambiente stile simulink e al primo sguardo ci si "schifa" soprattutto per la mancanza del comodo Symbolic Toolbox.
La buona notizia è che basta installare octave-forge per avere implementate tutte le funzioni di calcolo simbolico; per quanto riguarda un'ambiente simulink ancora non ho trovato soluzioni ma non ho nemmeno cercato più di tanto.
Vi terrò aggiornati su questi schermi nel corso del mio viaggio nel mondo di Octave.
Intanto vi invito ad installare con somma gioia i pacchetti relativi, anche perchè se non vi serve simulink, l'installazione corrisponde ad un ambiente Matlab di base con un notevole risparmio di spazio su disco... insomma se usate matlab sostanzialmente per risolvere espessioni più o meno complicate, lavorare con matrici e vettori e plottare i risultati Octave così com'è è perfetto.
Octave si esegue da bash e si presenta come un prompt direttamente dentro alla shell, per l'output grafico si appoggia al famoso gnuplot, se volete avere a che fare con un ambiente grafico che ricordi anche solo lontanamente Matlab, potete installare koctave ovviamente per chi ha già le lib di KDE, in sostanta è una shell grafica, con un menù semplice e una zona a sinistra con la history e un browser per trovare facilmente gli script da far partire... da notare ha l'icona uguale a quella di Matlab... ma sul blu!
Quindi l'invito è a provare e a scoprire cose nuove: installate octave, octave-forge e koctave e divertitevi, se vorrete svilupperemo insieme l'argomento su queste pagine.

13 commenti:

  1. Grande Andre... così si fa!
    Sottoscrivo in pieno!!! :D

    RispondiElimina
  2. ..ciao scusate il disturbo ma mi servirebbe un aiutino.
    Ho inatllato kubuntu sul laptop ma ho seri problemi ad installare octave nel senso che nn ho idea di come si faccia..ho provato a compilarlo ma nn avendo mai usato linux fino ad ora mi trovo alquanto spaesato..Thanks Matt

    RispondiElimina
  3. quenya@gecko3/08/2007 3:39 PM

    sudo apt-get install koctave octave-forge
    non funziona? se la risposta è NO probabilmente non hai attivato i repo universe nella sources.list

    RispondiElimina
  4. @ matt: sei il cliente giusto per un bel giro sugli UbuntuForums

    Ti do qualche dritta cmq sulla faccenda:
    per installare qualsiasi cosa su Kubuntu nel modo più rapido possibile devi usare un programma che gestisca i pacchetti. Quello installato di default su Kubuntu è Adept, ma personalmente preferisco Synaptic (che avrai modo di installare in seguito).
    Va beh... apri Adept (lo trovi tra le applicazioni del menu K).
    Il sistema di pacchetti si basa sulle "repositories" vere e proprie liste di pacchetti sui server di Ubuntu/Kubuntu. Dalle opzioni di Adept puoi facilmente vedere quali repositories vengono controllate dal programma che in base a quelle crea la lista dei pacchetti che puoi installare.
    Di default sono abilitate le repositories più stabili e super-supportate dagli sviluppatori ma molti programmi (che comunque funzionano benissimo) sono messi in altre repositories chiamate universe e multiverse.
    Abilitando queste repositories e ricaricando la lista potrai visualizzare anche i nuovi pacchetti tra i quali ci saranno anche i tre famosi che stai cercando di installare.
    Buon divertimento con Linux!
    bYe

    RispondiElimina
  5. ok..thanks, a quanto ho capito devo necessariamente collegarlo in rete...io tentavo invece l'approccio scarico i source dal pc windows -> chiavetta -> li installo sul client kubu che non è collegato ad internet...ma da quel poco che ho capito tutti i vari tentativi di ./config ravattano un pò e poi dicono che qualcosa non va...tipo manca qualcosa..nemmeno gimp sono riuscito a compilare..allora vedrò se riesco a collegarlo in rete...acquisterò un hub perchè col client win non vanno molto d'accordo a vedersi figuratevi a condividere la connessione!!...grazie comunque vi faccio sapere...
    p.s. è già la 4 volta che mi avvicino a linux in tre anni e il problema delle installazioni mi ha fatto sempre desistere.

    RispondiElimina
  6. ok..thanks, a quanto ho capito devo necessariamente collegarlo in rete...io tentavo invece l'approccio scarico i source dal pc windows -> chiavetta -> li installo sul client kubu che non è collegato ad internet...ma da quel poco che ho capito tutti i vari tentativi di ./config ravattano un pò e poi dicono che qualcosa non va...tipo manca qualcosa..nemmeno gimp sono riuscito a compilare..allora vedrò se riesco a collegarlo in rete...acquisterò un hub perchè col client win non vanno molto d'accordo a vedersi figuratevi a condividere la connessione!!...grazie comunque vi faccio sapere...
    p.s. è già la 4 volta che mi avvicino a linux in tre anni e il problema delle installazioni mi ha fatto sempre desistere.

    RispondiElimina
  7. ..fatto! funziona bene, e gli script di matlab sono "praticamente" già funzionanti con octave...unica pecca da segnalare per koctave..sarebbe carino avere una finestra con le variabili come in Matlab...vabbe cmq ottimo.
    Grazie,
    Matt

    RispondiElimina
  8. salve come si installa il toolbox simbolico per octave su windows???

    RispondiElimina
  9. Ciao a tutti e ciao, Andy: piacere di conoscere sulla rete un curioso di Octave come me.
    Mi sono imbattuto in Octave un paio di anni fa per un laboratorio al Politecnico (studi lì? Magari ci si può incontrare ;-)
    Per farla breve: avevo una versione di Matlab7 per Linux "con licenza" (sì, sì...ceeeerto) e quindi data la comodità ho abbandonato un po' Octave; ma ora (dopo una formattazione massiccia) sono ritornato ad Octave.
    Il problemino è che uso Ubuntu e quindi Koctave mi va in crash quasi subito.
    Tu hai avuto di questi problemi? Tipo chiusure improvvise, assenza di riga di comando...
    Personalmente ho installato i pacchetti per i plot e altro e devo dirti che la mia shell non mi da fastidio. Inoltre lavorando molto con gli script e funzioni, non mi serve una grafica fac-simile-Matlab per nostalgici.
    Volevo sapere cosa ne pensi.

    Ciao

    RispondiElimina
  10. Ciao Alessandro,
    per prima cosa sì sono un "collega-ingegnere" al PoliMi sono stato in ballo con la conferenza su Linux a Dicembre, con la prima "lezione" dei corsi Linux e abbiamo in cantiere qualcos'altro (a Bovisa) con gli amici della Terna... quindi magari ci siamo già visti e non lo sappiamo.
    Io sono un Aerospaziale Bovisiano per cui quelle sopra sono state le uniche volte che sono capitato in Leonardo per più di qualche oretta.
    Tornando a KOctave io è un po' che non lo uso causa Matlab2007 nuovo nuovo (sempre con licenza :-P) e anche perchè con ArchLinux il pacchetto è in una repo un po' scomoda... ma dopo il tuo commento lo installerò subito!
    Per quanto riguarda icrash improvvisi l'unica cosa che mi viene in mente per capirne la causa è aprire un terminale e chiamare koctave da lì in modo tale da vedere per bene tutto l'output del programma durante l'utilizzo...
    Quando crasha ti rimane aperto il terminale e puoi andare a vedere le ultime parolacce che ha detto prima di chiudersi in modo da capire che libreria fa errore che chiamata non funziona eccetera eccetera...
    Sulle possibili cause scatenanti non ne ho proprio idea!
    Comunque anch'io non avendo installato KOctave ogni tanto uso Octave da shell e Kate come editor... che poi è quello chiamato da KOctave...
    Per cui le possibilità per crearsi l'ambiente di lavoro sono pressochè infinite!
    Per quanto riguarda i plot tu cosa usi GnuPlot o altri pacchetti apposta per Octave?

    Grazie del commento,
    bYe,
    Andy

    RispondiElimina
  11. Per quanto riguarda i crash...sarò più preciso in seguito. Il mio dubbio principale è che non tutte le librerie KDE siano supportate al meglio in Gnome (uso Ubuntu) quindi dovrei reinstallare KOctave giusto per fare delle prove.

    Per i plot sto usando (poco, ultimamente) il GnuPlot: mi piacerebbe smanettare un po' di più ma il buon caro e vecchio Poli ci lascia tanto di quel tempo libero che non sai cosa fartene ;-)

    Cmq sarei venuto molto volentieri alle lezioni su Linux all'educafè ma mi si sovrappone con l'unico laboratorio obbligatorio che ho nel piano di studi! Che culo, eh!!

    Ti scriverò quando avrò novità. Per il momento non sto usando molto Octave.

    Grazie per la risposta.
    Alessà

    RispondiElimina
  12. Alla faccia dei contenuti. Ciao, sto cercando di trovare dei blog che trattino gli stessi argomenti e di linkarci. Questo mi piacerebbe di linkarlo reciporocamente con www.archeoastronomia.blogspot.com che ho aperto un paio di mesi fa. Il tutto serve per far aumentare il valore del blog. A occhio e croce dovrebbero essere argomenti che conosci, ma sono rimasto esterrefatto nel vedere che un bel blog e pieno di contenuti come il Tuo non abbia Page Rank: perchè? Forse non gli hai fatto la sitemap? Comunque fammi sapere, in poco tempo potresti raggiungere tranquillamente buoni risultati e moltiplicare i lettori di parecchie volte. D'altronde un Blog si scrive per far conoscere le proprie idee, no?

    RispondiElimina
  13. Per Alessandro:

    Per veder funzionare Koctave su Ubuntu è sufficiente installare Kdelib e Kdebase digitando da un terminale:

    sudo apt-get install kdelib kdebase

    Il tutto occupa circa 80 MB

    RispondiElimina