mercoledì 31 gennaio 2007

Nebbia

Stamattina sveglia tardi, ma da domani si ricomincia con un'organizzazione un po' più serrata perchè vorrei passare l'esame di Mercoledì prossimo.
Esco dal mio letto, lascio il caldo del piumone per qualche grado di meno e riscopro fuori dalla finestra lei...
E' tardi e la luce che trasmette è diffusa, roba che se non si guarda veramente fuori dalla finestra, si potrebbe dare credito all'ennesima giornata uggiosa con il grigio che la fa da padrona... ma oggi è diverso...
Tutto è bianco, ovattato, infinitamente illimitato anzi più propriamente illiminato: senza limen senza confine.
E cosa c'è di più emozionante ed evocativo di una stazione immersa nella nebbia, l'ambiente che si fa piccolo, tutto si restringe e non si vede più che il posto stesso in cui si è... tutto inizia e finisce con la strada che si sta percorrendo, e una volta davanti ai binari tutto comincia e si estingue con gli estremi dei binari stessi che si lasciano sopraffare indolentemente dalla foschia che si fa nebbia...
... con tranqullità tutto cede alla gentile lusinga della nebbia, tutto si lascia trasportare da questo "riposo" TUTTO a 60 metri da me è solo NEBBIA!
Sarà che sono proprio un appassionato, anche l'anno scorso se mi ricordo bene, di questi tempi avevo imbrattato dei byte sul blog su MSN divagando su questo argomento... che dire, a me dà PACE non mi sento oppresso sento l'estrema possibilità di tutto quello che c'è oltre la distanza che non vedo... e tutto sembra in armonia con la mia vita, con il mio presente sentire, con le vibrazioni delle corde del mio spirito!
Arrivato alla stazione che mi porta al mio caro Poli di Bovisa, salgo dalla scala mobile e vengo vomitato nel biancore più assoluto... a Stairway to Heaven? probabilmente sì!
Amo la nebbia; mi fa sentire un po' meno miope dato che tutti non vedono a fuoco oltre qualche decina di metri, restringe l'orizzonte della realtà all'essenziale, portando più vicino il limite tra vita e sogno, e tra tutto questo non mi sento perso, mi sento parte. Questa magia la nebbia la compie con discrezione, se ci sei in mezzo non la vedi immediatamente, ma guardando mano a mano più lontano non puoi dire che non ci sia... e non capisci mai dove inzia e dove finisce la foschia perchè in realtà ci sei in mezzo anche tu!
E poi il silenzio... tutti gli esseri viventi si sentono in dovere di abbassare il volume, la nebbia restituisce una sorta di sacralità al mondo che ci circonda avvolgendolo dolcemente in un'aura di mistero, la stessa che non vediamo normalmente... e allora tutti veniamo invitati a fare silenzio, a riflettere e questo porta ansie, lune storte oppure estrema tranquillità e pace...
E questa magia finisce quando entro nell'edificio delle mie occupazioni quotidiane... tutto è chiaro, ma la luce artificiale serve e non serve... la foschia non muore del tutto poichè lascia il posto ai raggi che infinitamente rimbalzano tra le sue particelle e che, filtrati da questa immensa opacità, inesorabilmente penetrano dalle finestre e vanno a sfiorare le zone più intime degli animi delle persone ponendo in silenzio i veri interrogativi che troppo spesso lasciamo sopiti...
AMO LA NEBBIA! ;-)
Buona giornata nebbiosa a tutti.

technorati tags:

Blogged with Flock

2 commenti:

  1. per favore dimmi che roba usi perchè sembra essere davvero buona...

    RispondiElimina
  2. Sarà! Scusa se ti rovino la poesia, ma io mi son beccata l'influenza grazie (anche) alla tu Dama Bianca!
    Buona settimana!

    RispondiElimina