martedì 6 febbraio 2007

Che giornata!

Mammina... una giornata intera a studiare quella fantastica materia che è Tecnica e Sperimentazione Aerospaziale, di cui ho l'orale Giovedì mattina alle 10.00...
che dire... a parte il sottolineare che il fatto che sia una bella materia non è ironico (e già qui ci sarebbe da preoccuparsi!) devo riconoscere che fare per tutto il giorno esercizi su segnali, incertezze, risposte in frequenza, probabilità e chi più ne ha più ne metta... beh può dare adito ad una sorta di nausea che impedisce di avvicinare per le prossime 10 ore ossia esattamente fino a domani mattina!
C'è qualcosa di diabolico nella precisa organizzazione che il sottoscritto sta tenendo nelle ultime settimane... qualcosa di innaturale per un pigro e perditempo come me...
Se da un lato mi fa solo bene non buttare via enormi quantità di tempo per rendere al massimo soprattutto per togliermi gli esami che mi mancano alla laurea, dall'altra parte il trauma del mio spirito fannullone o per lo meno positivamente ozioso e seraficamente indolente si rivela abbastanza pesante da sopportare.
Per questo scleri e flussi di coscienza come questo sono una delle poche valvole di sfogo di questi giorni... sfoghi che vengono saturati e che solo così, al limite, permettono al mio equilibrio psicologico di reggere ai teraflops di operazioni imposte quotidianamente al mio cervello dalla necessità di immagazzinare immense quantità di informazioni nel minor tempo possibile.
E' proprio questo il punto, la densità di informazioni nell'unità di tempo manda in saturazione il cervello che per questo si gode come non mai i pochi momenti di riposo.
Non avete idea di come apprezzi in questi giorni il semplice tragitto in bici da casa in stazione... una qualcosa che mi aiuta a scaricare non tanto la tensione ma l'esaperazione della mia psiche davanti all'impersonale valanga di nozioni e teoremi che la invade ogni giorno.
Per questo la mia biciclettata me la godo sparandomi il tragitto a tutta, come se fossi agli ultimi metri della tappa della gara della mia vita e questa magra esperienza di micro-densa attività fisica mi evita il collasso.
Che dire, dopo questa tornata di esami avrò davvero bisogno di una settimana di completo nulla o meglio piena di tutte le cose che sto lasciando indietro ma fatte con la serafica calma di chi non è incalzato da nulla e nessuno.
Sperando di arrivare intero al mio paradiso post esame stringo i denti senza vittimismi, ma davvero per come sono fatto io sto facendo una fatica tremenda a tenere il passo di questa marcia forzata che mi sono imposto... per ora regge ancora la scusa della sfida con se stessi che è un po' il trucco subdolo che mi ha permesso di arrivare fin qui e speso che mi faccia continuare anche nei prossimi giorni.
Non vedo l'ora che finisca questa settimana, domani un oralino (speriamo sia davvero una fuffa per confermare il voto, 1 su 2 esami fatti finora) poi giovedì mattina un orale serio e venerdì il primo attacco al colosso di Scienza delle Costruzioni 2 dalla parte dell'esercizio impossibile che se va tanto di guadagnato...
Fatemi i vostri migliori in bocca al lupo ragazzi....
Spero di sopravvivere a questo periodo assurdo ;-)
Buona serata a tutti,
il vostro Andy che sta sempre più fuori di testaaaaaaaarrrgghhhh

Nessun commento:

Posta un commento