mercoledì 21 febbraio 2007

E poi non mi devo incazzare?

Certo che bloggo di politica, se non vi va potete pure andarvene da questa pagina, come spero sappiate Internet è pieno di cose molto più interessanti!
Ovviamente siamo tutti un po' basiti e/o sorprendentemente contenti (dipende se siete mancini o destrorsi) a causa del colpo di scena che si è verificato nel primo pomeriggio sul palcoscenico del nostro teatrino politico.
Prima di tutto devo dire che forse non ho capito cos'è successo, forse sono scemo, ma a quanto ho letto l'Unione non è riuscita ad approvare la propria mozione per mancato raggiungimento del quorum (la maggioranza necessaria). Per questo cavillosamente potrei far notare che piuttosto che battuta, la maggioranza non ha saputo esprimere i suoi numeri pur risicati ma che fino ad ora non avevano presentato problemi.
Quindi piuttosto che una vittoria dell'opposizione qui si sta parlando di 24 astensioni il che significa che c'è qualche deficiente che si è astenuto dalla parte del centrosinistra...
Oggi è la giornata di D'Alema che fa il galletto e che spara in mattinata la sua bella cazzata (che ci poteva anche stare per mettere un po' di cacarella a quelli che stavano già pensando di astenersi). Il nostro genio della Normale di Pisa pensa bene di minacciare lo sfascio se non si raggiunge la maggioranza. Il caro D'Alema evidentemente, pur avendo tutte le ragioni del mondo per dare l'ultimatum (che per il concetto di governabilità alla base è pur condivisibile), non ha capito che purtroppo in Italia c'è sempre il solito cretino, idiota che per farsi vedere o altro non ci pensa e non ci mette nulla a combinare la frittata. Pertanto Massimino mio, sarai buono e bravo ma metti il filtro tra il cervello e la bocca soprattutto se si sta per votare in Senato!
Non spreco altre parole, ricordo solo che il Governo dello zio Silvio, tanto osannato per la solida maggioranza, ha subito 2 rimpasti essendo andato sotto su questioni importanti più di una volta.
Qui non siamo nemmeno andati sotto per cui bando alle cazzate e, per favore, capigruppo del senato e segretari di partito, CATECHIZZATE OPPORTUNAMENTE I DEFICIENTI e fate un paio di addizioni in più se uno di voi prima della seduta ha sparato la cavolata!
Ciao a tutti,
Andy

7 commenti:

  1. Perchè devi dire cazzate sui governi altrui?
    Cmq la notizia ufficiale delle dimissioni di Prodi dovrebbe già darti la risposta! :D

    Sono Ridicoli :D :D :D

    Vai Silvio, vai...

    RispondiElimina
  2. Sui governi altrui non dico cazzate!
    Se avessi seguito la politica degli scorsi 5 anni sapresti dei due rimpasti del governo Berlusconi (con vari interim che si preso per diversi ministeri tra cui quello degli esteri per 6 mesi), rimpasti causati da votazioni che volsero a favore dell'allora opposizione... cosa molto imbarazzante se si hanno di norma i 3/4 dei voti a favore come nella passata legislatura.
    Lui lo zio Silvio che ha fatto? Nulla, non ha fatto una piega ed è andato avanti senza dichiarare crisi varie, non vedo quindi perchè non dovrebbe farlo anche Prodi visto che i due che hanno fatto la cazzata sono due idioti e visto che l'appoggio dei partiti (anche di quelli dei due idioti) non è cambiato.
    Per quanto riguarda le dimissioni, sono un atto dovuto secondo la costituzione. Per mia ignoranza (si impara sempre qualcosa di nuovo) non sapevo che gli astenuti al Senato valgono come contrari per cui si può ben dire che il governo è andato sotto, pur non espressamente ma con gli astenuti, ma è andato sotto.
    Se la maggioranza non c'è, il capo del governo deve dare le dimissioni come da costituzione, Prodi lo ha fatto.
    Staremo a vedere, comunque per due cretini non andiamo a casa, certo è che la figura di non saper fare le addizioni è abbastanza pesante, per quelli che tengono i conti al Senato... mi sa che è meglio che vado io con la Texas la prossima volta!
    'notte ;-)

    RispondiElimina
  3. E sopratutto lo zio Silvio non ha ritenuto necessario andare ad elezioni anticipate dopo la batosta storica delle regionali.

    Silvio non ci deve insegnare nulla in termini di stabilità, ricordiamoci ad esempio il balletto di Tremonti che entra esce e poi rientra!!!


    by hendrix elettore di centrosinistra incazzato

    RispondiElimina
  4. Un conto è il balletto di un ministro... un conto è non avere la maggioranza.. ragazzi sono cose di entità completamente diversa, rendetevene conto, le elezioni le avete vinte ( per così dire ) al photofinish, quindi un reimpasto dopo questa caduta, viste le premesse, è un atto di scorretezza verso gli elettori.

    PS: andre l'ho riaperto : mad4mac.altervista.org

    RispondiElimina
  5. Bella Teo che hai riaperto il blog... bella Hendrix che mi sostieni!
    Concludendo il discorso (spero), il balletto di un ministro non è di poco conto se si parla di ministero degli esteri o dell'economia.
    Comunque a parte i ministri e le beghe di tal genere nell'ormai sfasciata coalizione di centro-destra, nella scorsa legislatura in alcuni casi sono addirittura passate mozioni del centro-sinistra nonostante la consolidata maggioranza che aveva il centro-destra, questo per totale mancanza di responsabilità da parte di deputati e senatori della casa delle libertà che in quei frangenti non si presentarono al voto e risultarono assenti in troppi.
    Se la situazione è di questo tipo è solo per colpa della scandalosa legge elettorale attualmente in vigore... inutile dire che fu voluta dal precedente governo per rassettare e limare le perdite preannunciate dai sondaggi di fine legislatura! Il risultato lo vediamo tutti, anche se aveste vinto voi sareste conciati così, con un senato spaccato e invece di mine vaganti a sinistra avremmo senatori fuffa della Lega o della Fiamma o della Mussolini che farebbero fare le stessissime figure al governo e alla coalizione.
    Secondo me qualsiasi cosa succeda bisogna evitare che una spaccatura a metà dei voti popolari (come peraltro accade da tempo negli altri paesi europei) si riduca in una sistematica ingovernabilità del paese. Per questo la prima cosa da fare è cambiare la legge elettorale con un vero maggioritario: chi vince governa per 5 anni e poi gli Italiani facendo i conti decidono il da farsi sicuri di avere un altro governo stabile per i successivi 5 anni!
    Mi chiedo, è così difficile uccidere i partitini che fanno ridere e dare una maggioranza reale a chi vince le elezioni?
    Bah! vedremo!
    'notte

    RispondiElimina
  6. Mi meraviglio,con più di un mese di ritardo, come ci sia ancora gente che, così fermamente convinta, vada ancora dietro a due vecchi rincoglioniti di 70 anni! Lo spazio in rete non è infinito e per tutte queste cagate c'è già abbastanza spazio in televisione, (ben più capace di catechizzare la gente).
    La rete è rottura, rottura anonima. Non rompimento egocentrico

    RispondiElimina
  7. Ciao anonimo,
    non me la prendo più di tanto, ma ovviamente... non sono d'accordo ;-)

    1) Non vado dietro a nessuno espongo solo le mie idee in modo indipendente, poi tu pensa quello che ti fa sentire meglio :-P

    2) Lo spazio in rete è potenzialmente infinito per delle semplici "parole" (pochi byte) dato che servizi come questo di Blogger ce ne sono a migliaia e danno la possibilità a ognuno di esprimere le sue opinioni e di raccontarsi. C'è posto per tutti!

    3) La rete è mettere in contatto le persone con le loro idee.
    Può essere usata costruttivamente, polemicamente, ostentatamente, distruttivamente.
    Su questo non mi sembra di menarmela poi tanto, se giri un po' tra i blog in media la gente si racconta tranquillamente anche se è vero che in alcuni casi si scade nell'autoreferenza esasperata... ma sono dei casi!

    Una persona può ovviamente usare la rete per esprimere una rottura con il pensiero dei più ma l'anonimato, se da una parte deve essere garantito, non è obbligatorio: se voglio posso dire chi sono e raccontarmi!
    Se il mio blog e le mie idee sono per te rompimento egocentrico... non ti resta che navigare alla larga da queste misere paginette...

    Insomma, anche nel malaugurato caso che un mio intervento venga indicizzato da Google nessuno ti obbliga a cliccare.

    Sottolineo poi che se esprimi una opinione con convinzione dovresti avere il coraggio di mettere in gioco almeno un nick se non il tuo nome! Non vedo come si possa essere convinti di qualcosa e contemporaneamente quasi vergognarsene nasconendosi!
    Troppo facile! ;-)

    Bah, non continuo, ho già detto troppo!
    Ti chiedo solo una cosa: nota almeno come positivo il fatto che anche su un intervento del genere non ho tolto la possibilità di commentare.
    Me lo sono chiesto perchè essendo un intervento schierato avevo paura di facile spam.
    Ho avuto ragione a lasciare il commento abilitato (come ho sempre fatto) poichè come vedi anche questa volta non è successo nulla di strano.

    Quindi grazie per il tuo commento!
    Se torni qui sarei felice di continuare con la discussione se ne avrai voglia.
    La rete è questo: costruzione di relazioni e catalizzatore di idee.

    RispondiElimina