martedì 26 giugno 2007

Volo prenotato... ed esami da piazzare

Eccoci qui, dopo aver perso il treno pur essendo arrivati in orario, dovevo saperlo che a quest'ora le FFSS riescono nel miracolo dell'anticipo.. che è comunque fastidioso in modo identico, se non superiore al ritardo.
Eccomi sul treno, luogo preferito del mio bloggare e del mio viaggiare, per la legge di Murphy se il treno prima è in anticipo e lo si è perso, quello successivo sarà come minimo in ritardo, ed infatti è così... anche se 4 minuti su un Porta Vittoria che viene da Novara sono praticamente la prassi.
Dopo le decisioni di ieri, e le scorribande telematiche in cerca di informazioni su voli, ostelli, treni e traghetti, stamattina ho prenotato il volo di andata per Londra che mi porterà con la mia dolce metà nella terra della nostra prima avventura InterRail.
La fantastica idea di andare "su" in treno era avvallata dalla possibilità di farsi 2 giorni a Parigi e dall'utopia di usare l'EuroTunnel (il passaggio sotto la manica) pagando un supplemento. Nei giorni scorsi abbiamo constatato di non poter star via "troppo" e ieri abbiamo finalmente trovato le informazioni su quanto costa l'Eurostar Parigi - Londra sono 100€ di base che diventano "solo" 75€ con il pass InterRail che giusto per ricordarlo non è che costa 4 soldi.
Risultato la mitica RyanAir ci porterà in due ore (una a causa fuso orario) a Londra Stansted per 1 cent/€ che con tasse aeroportuali e bagaglio diventano 16€ a testa... spettacolo!
In questo modo pur avendo eliminato i giorni di Parigi (che comunque andavano tolti causa tempi da rivedere) abbiamo risparmiato un viaggio bello estenuante per quanto suggestivo.
Ora non ci resta che prenotare l'ostello a Londra (perchè trovare posto alla cavolo una volta lì è impossibile!), fissare bene le tappe dando un'occhiata alla disponibilità e ai contatti degli ostelli per farci un'idea della tattica migliore da utilizzare... e prenotare il volo di ritorno che potrebbe essere uno Shannon / Orio al Serio della mattina prestissimo del 17 agosto questa volta a 39€ più tasse (facciamo un 55€). La genialata del volo di ritorno direttamente dall'Irlanda ci fa risparmiare ancora più giorni di viaggio dell'andata nel senso che un ritorno in treno avrebbe implicato il ri-traghetto in Gran Bretagna, il ri-passaggio da Londra, Parigi, Lione... insomma 3 giorni spesi a "tornare".
Che dire sono contento che questa mia vacanza si stia finalmente delineando in modo più concreto!
Ora abbiamo un punto fermo che sarà veramente tale una volta prenotate le notti a Londra... e poi... finalmente avvetura InterRail su per la campagna inglese per toccare York e dintorni... poi la Scozia con Edimburgo e dintorni (chissà se riusciremo a fare una capatina nelle Highlands?!?!?) ed infine giustamente Irlanda... che è tutto da pensare data la dislocazione un po' a cacchio della rete ferroviaria... ma sopravviveremo facendoci aiutare da qualche pullman!
Adesso però devo tornare coi piedi per terra, devo alzarmi da questa panchina suburbana della stazione di Villapizzone, con i treni che passano avanti e indietro... devo andare a piazzare una bella studiata di Strutture e Scienza2 perchè a Venerdì con l'esercizio di Stru e soprattutto a quella giornata campale che dovrà essere Lunedì prossimo voglio arrivare a piazzare senza troppi funambolismi questi due esami per starmene più tranquillo e magari pensare concretamente se laurearmi o meno a il 25/26 Luglio!
Bon... ora devo proprio andare anche se senza troppi treni e con un venticello come questo, scivere di se stesso viaggiante in concreto e nella vita... è davvero piacevole e suggestivo.
Buon viaggio a tutti, dovunque siate e qualunque cosa stiate programmando, facendo, amando o odiando!

La Via procede avanti, lungi dall'uscio dal quale parte...
bYe,
Andy

Nessun commento:

Posta un commento