sabato 2 febbraio 2008

Poesia... dai meandri del 2002

Eh già, non so perchè proprio oggi. Non so perchè mi sia venuto in mente di sbattere via questi 5 minuti di studio in questo modo... mah... forse è stato il solo pensiero di questo foglietto di carta riciclata da un quaderno A5 a quadretti... incollato ad una pagina del mitico, primo quadernino.
Ma è così: sto finalmente postando queste quattro righe scritte a matita, per renderle chissà... un po' meno effimere fissandole su qualche bit tra i server di Blogger, o anche solo per un attimo sulla retina e poi nella mente, e nell'anima di chi le leggerà, passando di qui più o meno per caso come fate voi internauti!

Eccovela dunque. Non è granchè, ma ai tempi mi sembrava uscita bene... ;-)
Fine settembre 2002, un povero pirla sdraiato sul letto a suonare e ad addormentarsi così...

Steso sul mio letto di ricordi,
sopra due coperte di sogni.
Una chitarra tra le mani,
suona, non so che cosa.

Sono qui. Una corda vibra.
Vivo veramente questo istante:
il momento in cui il suono
parte via e si spande,
su nell'aria, quella stessa
che
RESPIRO!
Andy - Settembre/Ottobre 2002

4 commenti:

  1. C'è un errore.... Suona non SO che cosa.. correggi!!!

    RispondiElimina
  2. Caspita che tempismo... non ho nemmeno fatto in tempo a tradurre il post in inglese che già mi leggete in italiano! ;-)
    Che onore :-P
    bYe,
    Andy

    RispondiElimina
  3. Che canapa usi???

    Bravo

    Hendrix

    RispondiElimina
  4. Ma allora non è colpa del Poli.. eri così anche prima!! ;)
    Mitico!!

    Ciao!
    Andrea

    RispondiElimina